Canonical è a lavoro alla nuova versione di Ubuntu che giunge alla 17.10 con il nome di Artful Aardvark e con questa nuova release ha deciso di abbandonare le ISO a 32 bit.

Aardvark Ubuntu 17 10
Aardvark

Non è proprio una novità l’abbandono delle vecchie ISO a 32 bit, infatti era stato già accennato mesi fa che Canonical avrebbe limitato lo sviluppo delle nuove versioni di Ubuntu ai 64 bit, in questo modo anche se in misura ridotta c’è un meno spreco di tempo e risorse, da dedicare ad altri aspetti del sistema e la conferma è arrivata  ieri da Dimitri John Ledkov di Canonical.

Questo però non significa che Ubuntu sarà esclusivamente a 64 bit, infatti l’aggiornamento dalle versioni precedenti continueranno a funzionare con la vecchia architettura e gli aggiornamenti continueranno ad arrivare regolarmente.

Inoltre resterà il supporto ai 32 bit nelle mini ISO, che permettono di installare il sistema partendo da una configurazione minima.

Per poter scaricare le daily build di Ubuntu 17.10, attualmente in beta potete recarvi a questa pagina dove ancora è presente l’ultima ISO disponibile a 32 bit.